Rimuovere delicatamente tatuaggi e trucco permanente è finalmente possibile

La richiesta di rimozione dei tatuaggi è in forte crescita; in media una persona su due desidera cancellare i propri tatuaggi dopo circa 10 anni. Ciò è spiegabile con l’inevitabile cambiamento delle mode e dello stile o semplicemente con il passare del tempo, che modifica la percezione di sé stessi.
Ormai da molti anni per rimuovere i tatuaggi si usano i laser Nano di Asclepion con varie lunghezze d’onda. Rispetto ad altri metodi, questo trattamento ha il vantaggio di comportare un bassissimo rischio di formazione di cicatrici. Ultimamente i laser Nano vengono usati anche per eliminare il trucco permanente (tatuaggio speciale). Ora c’è la più moderna tecnologia Pico per gli stessi trattamenti.

Scegliere la lunghezza d’onda giusta: un fattore decisivo per il successo del trattamento

La scelta del tipo di laser rappresenta un fattore decisivo in quanto i pigmenti di alcuni colori possono essere trattati particolarmente bene, mentre altri non reagiscono altrettanto positivamente al trattamento.
I laser a rubino (694 nm) hanno dimostrato di essere utilizzabili quasi universalmente. Questa lunghezza d’onda viene infatti fortemente assorbita dei pigmenti di colore verde, oltre in generale dai colori scuri. Inoltre, grazie all’elevato assorbimento del fascio laser rubino da parte della melanina, il pigmento della pelle, questi dispositivi sono particolarmente adatti per trattare le lesioni pigmentate naturali. I pazienti solitamente tollerano il trattamento senza bisogno di anestesia; in caso di necessità, è possibile utilizzare un anestetico locale.
La luce verde del laser Nd:YAG (532; 1064 nm) è molto ben assorbita dai colori rosso, blu e dai colori scuri in generale. Il laser può essere utilizzato per rimuovere lesioni pigmentate benigne.

Come funziona il trattamento

La lunghezza d’onda della luce dei laser al rubino o Nd:YAG viene assorbita specificatamente dai pigmenti colorati dei tatuaggi. L’energia viene quindi trasmessa frammentando le particelle nel tessuto connettivo; queste particelle vengono poi degradate ed eliminate dall’epidermide dal sistema linfatico. L’area della pelle sottoposta ad irraggiamento apparirà biancastra per i 10 – 20 minuti immediatamente successivi, quindi si formerà una sottile crosticina che si distaccherà circa 1 – 2 settimane dopo. In genere per rimuovere un tatuaggio sono necessarie alcune sedute a distanza di diverse settimane.

Cosa sono i tatuaggi?

Un tatuaggio è un segno ottenuto inserendo pigmenti nella pelle; esistono anche i cosiddetti “dirt tattoos” o tatuaggi traumatici causati da incidenti.

Cosa succede quando si pratica un tatuaggio?

Quando si pratica un tatuaggio, nella pelle viene inserito dell’inchiostro le cui particelle raggiungono un’area sotto lo strato superficiale della pelle (epidermide) a una profondità fra gli 0,5 e i 2 mm. Durante la guarigione, il sistema immunitario cerca di rimuovere questa sostanza estranea ma, dato che i pigmenti colorati sono troppo grandi, il tessuto connettivo li può solo isolare dai tessuti circostanti. In caso di incidente, particelle di sporco potrebbero inserirsi sotto la pelle: il corpo reagisce allo stesso modo creando un tatuaggio da sporco.

Quali colori dei tatuaggi è possibile rimuovere?

In generale, l’inchiostro verde e giallo è il più difficile da rimuovere, mentre quello nero è quello più facile da eliminare con il laser. I tatuaggi realizzati da dilettanti sono più facili da rimuovere rispetto a quelli dei professionisti dato che si utilizza meno inchiostro e di qualità inferiore.

Come funziona la procedura laser per rimuovere i tatuaggi?

Il fascio laser penetra nella pelle attraverso lo strato superiore dell’epidermide e viene assorbito dai colori dei pigmenti. Gli impulsi laser a elevata energia di questi dispositivi sono lunghi solo pochi nanosecondi e vengono quindi assorbiti selettivamente dalle particelle pigmentate senza al contempo danneggiare termicamente il tessuto circostante. L’irradiamento laser frammenta i pigmenti che vengono poi trasportati ed eliminati dal sistema linfatico del corpo stesso.

Come verrà eseguito il trattamento?

Sulla pelle viene posizionato il distanziatore del manipolo, quindi il laser viene attivato con il comando a pedale ed emette un impulso luminoso; la sensazione avvertita è quella di un leggero pizzicorio. Il manipolo del laser viene fatto scorrere sulle aree da trattare. Subito dopo il trattamento, l’area sarà interessata dal cosiddetto “effetto pop-corn”, ovvero gli spot eseguiti sul tatuaggio genereranno piccole zone quadrate di colore bianco; inoltre dopo il trattamento potrebbero verificarsi degli arrossamenti, una forte sensazione di calore e, dopo qualche ora, l’area trattata potrebbe scurirsi e potrebbero formarsi crosticine che cadranno nel giro di pochi giorni.

Quante sedute servono per rimuovere un tatuaggio?

Servono alcune sedute per distruggere tutti i pigmenti dell’inchiostro e rimuovere così il tatuaggio. Il numero dipende dalla densità, dalla profondità e tonalità del colore, nonché dalle dimensioni e dalla posizione del tatuaggio. Nei tatuaggi di nuova generazione, come il trucco permanente, il colore potrebbe mutare. Se possibile, fornire al proprio medico un campione del colore in modo da stabilirne già in precedenza le caratteristiche. Le sedute vengono eseguite a intervalli di circa 6 – 8 settimane.

Cosa bisogna fare dopo il trattamento?

Raffreddare la zona trattata fin quando la sensazione è gradevole. Non toccare eventuali crosticine. Proteggere l’area trattata da luce solare o irraggiamento intenso (solare) per almeno 6 settimane; utilizzare creme protettive (fattore 20 – 50) se si rimane all’aperto a lungo. Se si presentassero altre modifiche, contattare immediatamente il medico.

Che complicanze potrebbero verificarsi?

Nessuna terapia medica può escludere rischi. Solitamente, i trattamenti laser comportano rischi molto bassi; potrebbero verificarsi scurimenti temporanei della pelle o iperpigmentazione. Tutti questi effetti collaterali sono comunque reversibili e spariscono entro qualche settimana o mese.

Asclepion Laser Technologies lavora a stretto contatto con i medici, cliniche e le università con l’obiettivo di migliorare continuamente le proprie tecnologie, valutandone l’efficacia e la sicurezza, nonché di migliorare l’aspetto applicativo. Studi clinici vengono continuamente preparati e realizzati in un ambiente controllato. Questo garantisce i migliori risultati possibili per gli utenti e, soprattutto, per i pazienti.

Neodymium-doped yttrium aluminium garnet (Nd:YAG) 1064-nm picosecond laser vs. Nd:YAG 1064-nm nanosecond laser in tattoo removal: a randomized controlled singleblind clinical trial.
Pinto F, Große-Büning S, Karsai S, Weiß C, Bäumler W, Hammes S, Felcht M, Raulin C. Br J Dermatol. 2017 Feb;176(2):457-464. doi: 10.1111/bjd.14962. Epub 2017 Jan 29.

 

Clearance of yellow tattoo ink with a novel 532-nm picosecond laser.
Alabdulrazzaq H, Brauer JA, Bae YS, Geronemus RG. Lasers Surg Med. 2015 Apr;47(4):285-8. doi: 10.1002/lsm.22354.

 

Comparison of responses of tattoos to picosecond and nanosecond Q-switched neodymium: YAG lasers.
Ross V, Naseef G, Lin G, Kelly M, Michaud N, Flotte TJ, Raythen J, Anderson RR. Arch Dermatol. 1998 Feb;134(2):167-71.

 

Red ink tattoo reactions: successful treatment with the Q-switched 532 nm Nd:YAG laser.
Antony FC, Harland CC.: Br J Dermatol. 2003 Jul;149(1):94-8.

 

Comparison of the Q-switched alexandrite, Nd:YAG, and ruby lasers in treating blue-black tattoos.
Leuenberger ML, Mulas MW, Hata TR, Goldman MP, Fitzpatrick RE, Grevelink JM. Dermatol Surg. 1999 Jan;25(1):10-4.

 

Entfernung von Tätowierungen mit dem gütegeschalteten Rubinlaser (694 nm) und dem gütegeschalteten Nd:YAG-Laser (532 und 1064 nm). Eine Retrospektivstudie
Saskia Werner, Michael Drosner, Christian Raulin: Der Hautarzt, March 1999, Volume 50, Issue 3, pp 174-180

 

Tattoo removal with the Q-switched ruby laser and the Q-switched Nd:YAG laser: a comparative study
Levine VJ, Geronemus RG.: 1995 May;55(5):291-6.

La terapia professionale

Con la sua vasta gamma di servizi, Asclepion si considera un partner competente per le pratiche dermatologicamente ed esteticamente orientato, Istituto e cliniche. Scegli ora il trattamento con la tecnologia laser più avanzata e scopri un nuovo mondo di professionalità e qualità.

PRODOTTI